Isolamento in intercapedine


Le dispersioni termiche in un involucro edilizio, che avvengono attraverso le pareti perimetrali rappresentano, come per le coperture, circa il 20-25 % delle dispersioni totali.
L’isolamento delle pareti perimetrali risulta quindi estremamente rilevante dal punto di vista del risparmio energetico.
Il sistema murario composto con isolamento termico in intercapedine è, in Italia a tutt’oggi, la tipologia più diffusa di realizzazione delle chiusure d’ambito esterno.
Il sistema di isolamento in intercapedine, conosciuto col nome di “muro a cassetta”, consta di due pareti dello stesso o di diverso materiale, di differenti dimensioni, separate da una camera d’aria continua al cui interno si pone il materiale isolante.
L’isolamento in intercapedine, nei necessari spessori, è in grado di assicurare un ottimo isolamento termico e acustico oltre che un accurato comfort igrometrico.
E’ un applicazione semplice, impiegata soprattutto nei casi di muri con mattoni “faccia a vista”, laterizi pieni o semipieni, muri intonacati.

PRODOTTO CONSIGLIATO: SPACELOFT, in pannelli

COMPONENTI FONDAMENTALI POSA

  • Spaceloft, in uno o più strati, sarà fatto aderire alla superficie interna della muratura o dell’intonaco esistente utilizzando collante idoneo.
  • La barriera al vapore, se richiesta dalle condizioni termo-igrometriche, dovrà essere costituita da apposito elemento posizionato in aderenza a Spaceloft rivolto verso il lato caldo.
  • Sarà quindi realizzata la tamponatura interna.